BICI STRANE? 3DOM!

Andare in bicicletta senza mani

3DOM
L'IDEA, IL PROGETTO, IL PRODOTTO

In estate, durante una giornata "bordo piscina" con gli amici, una discussione semiseria su cosa sia la libertà genera la domanda:
"...si, ma descrivimi la tua idea di libertà...".
Danilo, uno dei presenti, rispose: "Andare in bicicletta senza mani."
E nel rispondere aprì le braccia a mimare il volo degli uccelli.
L'immagine esprimeva il concetto così bene che meritava una riflessione...
Biciclette strane 3dom freedom
Biciclette strane 3dom freedom
Il mio nome è Angelo Mattellini e sono il progettista di AGM Design. Nel 1983, in inverno, costruii la bicicletta da trial (innovativa per i tempi) con cui Danilo Mattellini (quel Danilo citato sopra, mio fratello e socio) prese parte al campionato italiano nel 1984. Sono cambiate un po' di cose da allora: oggi si usano i computer e meno la matita, ma mi trovo come allora ad interpretare un'idea, a tradurla in un progetto e a realizzare l'oggetto che consenta di andare in bici mimando il volo degli uccelli...ma anche spingendo il passeggino, suonando la chitarra o guidando i droni.

(Angelo Mattellini - Project Manager AGM Design)

''Si scrive 3DOM, si legge Freedom, come libertà dal manubrio dopo 200 anni dall'invenzione della prima bici.''

I PREMI DI 3DOM

3DOM, una delle "bici strane" più diffuse, è una bicicletta a tre ruote che si guida con il corpo e si è aggiudicata il Premio Europeo dell'Artigianato di Eccellenza di Lione, nell'ottobre 2014, e il premio Confartigianato Design Awards "Nutrire il Futuro: energie della tradizione" nel Giugno 2015, apperendo nel padiglione Italia a EXPO 2015.
Image

PEDALARE CON LA TESTA

Il segreto che sta dietro a questo mezzo innovativo «si chiama baricentro», commentano i due fratelli. Niente tecnologie avanzate dunque, e funzionamento molto semplice: «Non è necessario capire prima come funziona, 3DOM non necessita di spiegazioni».
(Corriere della Sera)
''La nuova bici senza manubrio, battezzata con il nome di ‘3DOM’ (acronimo di Free Driving Over Milan) e progettata da due designer italiani, Danilo e Angelo Mattellini, del team ‘AGM Design’, è una sorta di triciclo dotato di una ruota posteriore di grandi dimensioni e di due piccoli pneumatici anteriori. Il suo meccanismo di funzionamento non si fonda su alcun tipo di tecnologia avanzata ed è piuttosto semplice da capire: per guidare il mezzo, infatti, è sufficiente muovere la propria testa sfruttando il baricentro del corpo e la direzione dello sguardo.''
(Ecoseven)